Le aziende hanno davvero bisogno di un sito web?

Serve davvero avere un sito web

Le aziende hanno davvero bisogno di un sito web?

Chi si occupa di digital marketing e di strategie di promozione online sente spesso la seguente affermazione: “non mi serve un sito internet. Faccio tutto su Facebook“. Queste sono le parole che fanno diventare verde ogni consulente che degno di questo nome: il digital marketing è come un puzzle fatto di tante tessere. Tutte sono importanti per dare completezza a una strategia. Ecco perché tutte le aziende hanno veramente bisogno di un sito web.

Digito ergo sum: l’esistenza ai tempi del web

Foto da Pxhere.com

Il web sta al Terzo Millennio come le Pagine Gialle cartacee stavano agli Anni ’80: se volevi essere trovato, dovevi esserci. C’è modo e modo di garantire la propria presenza sul web ma c’è un concetto imprescindibile da tutto: se non sei su Google – nel 2019 – praticamente non esisti, se non per chi vive vicino alla tua azienda e vede la tua insegna ogni giorno. O per chi ti conosce per motivi storici. La presenza sul principale motore di ricerca del mondo (ma non l’unico) è ormai una sorta di certificato di nascita (e vita) di un’azienda. Parafrasando Cartesio, digito ergo sum.

Quali sono i vantaggi di avere (anche) un sito web che sappia parlare della nostra azienda e che ci posizioni all’interno del motore di ricerca?

  • Essere i primi a parlare del proprio lavoro: siete voi, assieme a chi curerà la costruzione del vostro sito, a decidere cosa dire, come dirlo e su cosa puntare i riflettori.
  • Immettere contenuto in rete aiuta Google a comprendere ciò che si fa e quindi a posizionare il sito nel “posto giusto” del grande archivio del web.
  • Si può dare vita a un blog aziendale che diventi una sorta di “ufficio stampa” interno, capace di raccontare prodotti, eventi, particolarità e punti di forza.
  • Un sito web ben costruito è un ottimo strumento per affrontare la concorrenza e affermarsi.

 

Per tutto questo non basta Facebook?

Foto da Pxhere.com

La risposta è, ovviamente, no. Facebook è un ottimo strumento di marketing, sia che si tratti di B2B o B2C. Facebook è una finestra sul mondo ma il contenuto immesso nel social non viene, ahinoi, indicizzato. Ciò che vive in Facebook resta su Facebook. Non esce dal social e non è comprensibile dal motore. Tutte le strategie di marketing efficaci dovrebbero prevedere una parte di social (non necessariamente Facebook, o solo Facebook) e una parte di web puro, fatta proprio di un sito costruito come si deve, di attività SEO portata avanti per più mesi o per più anni e di tanto contenuto da “consegnare” al motore di ricerca, quasi come volessimo nutrirlo.

Ti interessa approfondire l’argomento? Ti aspettiamo al Local Business Day il 24 Ottobre.

Tags: